ROBERTO LATINI

The event is expried

Sabato 1 giugno, ore 20:30 | Teatro Vittoria

 

ROBERTO LATINI

 

In exitu (70‘) anteprima nazionale

 

dall’omonimo romanzo di Giovanni Testori
adattamento, interpretazione e regia di Roberto Latini
musica e suono Gianluca Misiti
luci e direzione tecnica Max Mugnai
produzione Compagnia Lombardi Tiezzi

 

L’uscita di scena di un tossico degli anni ’80 in una città qualsiasi tra le Milano di un nord qualsiasi è dolore e solitudine straziante di una vita consumata in evasione, in eversione. La narrazione cede il passo alla forma e si sostanzia su un piano raffinatamente linguistico. Testori come fosse il pusher di una lingua teatrale che si fa linguaggio. Drogato è il testo e le parole sfidano il pensiero e la sintassi. Tutto sembra svilupparsi nella sensazione del fondamentale e iniziatico “Quem quaeritis” del Teatro Sacro Medievale. In mezzo, c’è una nebbia incapace di fermare il tempo e la consolazione. In Exitu è come una Pietà. La parabola parabolica di vita vissuta da Riboldi Gino è quella di un povero Cristo tenuto in braccio da Madonne immaginate, respirate, disarticolate, nella fonetica di una dizione sollecitata fino all’imbarazzo tra suono e senso, come fossero le parole ad essere infine deposte dalla croce sulle quali Testori le ha inchiodate. “Chi cercate?”
“Non è qui!”, risponderebbe l’angelo.

 

ROBERTO LATINI. Attore, autore e regista, si è formato a Roma presso Il Mulino di Fiora, Studio di Recitazione e di Ricerca teatrale diretto da Perla Peragallo, dove si è diplomato nel 1992. Tra gli altri, ha ricevuto il Premio Sipario nell’edizione 2011, il Premio Ubu 2014 come Miglior Attore e il Premio della Critica 2015. Direttore del Teatro San Martino di Bologna dal 2007 alla primavera del 2012, è il fondatore della compagnia Fortebraccio Teatro. Ha ricevuto il Premio Ubu 2017 come Miglior Attore o Performer per lo spettacolo Cantico dei Cantici. Il lavoro di Latini, fin dagli esordi, vive della collaborazione artistica di Gianluca Misiti e Max Mugnai. Continua l’incontro e lo scambio artistico di Sandro Lombardi e Federico Tiezzi con Roberto Latini che da qualche anno collaborano nella realizzazione di spettacoli e progetti come il Teatro Laboratorio della Toscana. Prosegue la storia della Compagnia con Giovanni Testori e il lavoro di ricerca sulle lingue segrete del teatro.

 

 

The exit of an 80s drug addict from any city in the Milan area of any north is the pain and excruciating loneliness of a life consumed in escapism, in subversion. The narrative gives way to form and is substantiated on a refined linguistic level. Testori as if it were the pusher of a theatrical language that becomes language. Drugs are the text and words challenge thought and syntax. Everything seems to develop in the sensation of the fundamental and initiatory “Quem quaeritis” of the Medieval Sacred Theatre. In the middle, there is a fog unable to stop time and consolation. In Exitu it’s like a Pieta. The parabolic parable of life lived by Riboldi Gino is that of a poor Christ held in his arms by imagined, breathed and disjointed Madonnas, in the phonetics of a diction solicited to the point of embarrassment between sound and meaning, as if the words were finally laid down by the cross on which Testori nailed them. “Who are you looking for?”

“He’s not here,” the angel would answer.

 

ROBERTO LATINI. Actor, author and director, he trained in Rome at Il Mulino di Fiora, Studio di Recitazione e di Ricerca teatrale directed by Perla Peragallo, where he graduated in 1992. Among others, he received the Curtain Award in the 2011 edition, the Ubu Award 2014 as Best Actor and the Critics Award 2015. Director of the Teatro San Martino in Bologna from 2007 to spring 2012, he is the founder of the company Fortebraccio Teatro. He received the Ubu Prize 2017 as Best Actor or Performer for the show Cantico dei Cantici. Latini’s work, since the beginning, lives on the artistic collaboration of Gianluca Misiti and Max Mugnai. The meeting and the artistic exchange of Sandro Lombardi and Federico Tiezzi with Roberto Latini continues. For some years now they have been collaborating in the realization of shows and projects such as the Teatro Laboratorio della Toscana. The history of the Company continues with Giovanni Testori and the research work on the secret languages of the theatre.

 

Event Detail

1 Giugno 2019 20:30
1 Giugno 2019 21:30

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.