TEATRO DEI BORGIA

Martedì 29 maggio, ore 19:00 | Sala Consiliare

TEATRO DEI BORGIA
ERACLE ODIATORE (70’) prima nazionale

di Fabrizio Sinisi da Euripide
con Michele Maccagno
regia Gianpiero Borgia

 

In un’Europa attraversata dai conflitti interni e dalle sommosse, inferocita dalla crisi e dalla povertà, scossa dal terrorismo e abbandonata dalla politica, dove sembra impossibile individuare responsabili e colpevoli, un sentimento sembra invadere inarrestabile la società: l’odio. Amplificato e reso anonimo dal web, Internet sembra aver provocato uno scatenamento delle gogne social, delle pubbliche derisioni, dei linciaggi. Il risentimento, la frustrazione, l’atavico e il bestiale che giacciono al di sotto della civiltà sembrano aver trovato nuove strade per erompere e diventare un’inedita – ma non meno brutale – forma di violenza. In questa situazione, un individuo piccolo e invisibile, un solitario impiegato scaturito dall’anonimato della folla e del web, decide di oltrepassare il limite del virtuale e passare ai fatti. Ci chiama nel suo antro, ci confessa la sua follia e ci costringe a condividere il suo gioco. La sua presenza davanti agli spettatori è infatti il nono gradino di una paradossale sfida che da Internet è arrivata fino a noi: l’Eracle che abbiamo davanti ci racconta le sue fatiche. In una radicale rivisitazione del mito eracleo e delle sue proverbiali prove per la riammissione nell’Olimpo – trasformate appunto in uno dei moderni rituali di challenge online, come la blue whale – Eracle compie il suo percorso di abbattimento del Diverso. Otto gradini di una grottesca e violenta espiazione sociale, che culminerà con un atto tanto incredibile quanto spettacolare. Ideale seguito di Medea per strada, Eracle è un surreale trattato sul nostro tempo: l’esplosione scatenata e profetica di quella “violenza dell’uomo comune” che sembra ormai imminente sull’Europa.

 

IL TEATRO DEI BORGIA. È una compagnia gestita dal direttore artistico Gianpiero Borgia e dall’attrice Elena Cotugno (finalista premio Ubu 2017 under 35). Il Teatro dei Borgia ha messo in scena i testi di drammaturghi di varie nazionalità, in particolare David Greig, Tim Crouch, Matei Visniec, Fabrizio Sinisi, Anders Lustgarten,  ha prodotto spettacoli in Italia e all’estero e ha partecipato a prestigiosi festival nazionali e internazionali. Le ultime produzione del Teatro dei Borgia: Medea per Strada di Elena Cotugno e Fabrizio Sinisi, ideazione e regia di Gianpiero Borgia, con Elena Cotugno; Cabaret Sacco & Vanzetti, di Gianpiero Borgia dal testo di Michele Santeramo con Valerio Tambone e Raffaele Braia. Cabaret D’Annunzio (coproduzione tra Teatro dei Borgia e Dramma Italiano del Teatro nazionale Ivan Zaijc di Fiume), testo di Fabrizio Sinisi e regia di Gianpiero Borgia.

 

FABRIZIO SINISI. Nato in Puglia nel 1987, è drammaturgo, poeta e traduttore. Dopo la laurea in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Bari, è diventato dramaturg della Compagnia Lombardi Tiezzi, con cui ha realizzato finora più di venti spettacoli di prosa e lirica (tra gli ultimi Freud o l’interpretazione dei sogni). Nel 2012 viene messo in scena il suo dramma in versi La grande passeggiata (Bari, Teatro Royal), per la regia di Federico Tiezzi e l’interpretazione di Sandro Lombardi: il testo viene pubblicato in anteprima a cura di Rodolfo Di Giammarco e Rossella Porcheddu nel volume New Writing Italia (Editoria & Spettacolo, Roma 2014) e ottiene la segnalazione dell’Istituto Italiano di Cultura di New York come vincitore del Progetto Italian Playwrights. Nel 2015 il suo testo Jekyll ottiene la segnalazione tra i finalisti del Premio Riccione Tondelli e del Premio Platea. I suoi testi sono stati interpretati da alcuni dei maggiori artisti del teatro italiano, da Andrea De Rosa a Carmelo Rifici, da Giampiero Borgia a Massimo Popolizio, da Valter Malosti a Federico Tiezzi. Dal 2015 è docente di Drammaturgia presso la Scuola di Scrittura Flannery O’Connor di Milano. Nel 2016 inizia una collaborazione come drammaturgo stabile del Teatro degli Incamminati di Milano e il Centro Teatrale Bresciano. Suoi testi sono stati rappresentati in Croazia, Francia, Gran Bretagna, Italia, Lussemburgo, Romania, Svizzera e Stati Uniti.

 

GIANPIERO BORGIA. Regista, attore, premio speciale Associazione Nazionale dei Critici Teatrali 2010, per Come spiegare la storia del comunismo ai malati di mente, di Matei Visniec. Total Theatre Award, Edinburgh International Fringe Festival, 2007, per Escaping Hamlet, di Natalia Capra. Ha iniziato la sua formazione con Giorgio Albertazzi e ha proseguito i suoi studi come attore al Centro Sperimentale di Cinematografia e come regista al Master GITIS per stranieri diretto da Jurij Alschitz. L’impegno per la pedagogia e la ricerca teatrale ha caratterizzato per intero il suo percorso. Ha fondato e a lungo diretto ITACA – International Theatre Academy of the Adriatic, primo e unico centro di formazione accreditato dalla Regione Puglia per la formazione professionale nell’ambito delle arti sceniche.  I suoi numerosi spettacoli sono prodotti e presentati in Festival, Teatri e Università di diversi paesi europei. Ha messo in scena per primo dopo la morte di Carmelo Bene un suo scritto, Ritratto di Signora del Cavalier Masoch per intercessione della Beata Maria Goretti, prodotto dal Festival di Due Mondi di Spoleto.  Ha portato sulla scena italiana per primo testi di David Greig, Matei Visniec, Mircea Eliade, Anders Lustgarten. Tra gli interpreti con cui ha collaborato si ricordano Gigi Proietti, Franco Branciaroli, Manuela Mandracchia, Fabio Troiano, Donatella Finocchiaro, Lucia Lavia, Sebastiano Lomonaco, Elena Cotugno, Denize Ozdogan. Tra i drammaturghi italiani: Sergio Claudio Perroni, Natalia Capra, Elvira Seminara e Fabrizio Sinisi. Recentemente è stato ospitato come Artist in Residence in due prestigiosi centri europei per le arti performative con i quali coopera nell’ambito di progetti di ricerca: Godsbanen Arhus Danimarca – diretta da Annika B. Lewis, Troubleyn Anversa Belgio –  diretta  Jan Fabre.

 

MICHELE MACCAGNO. Dopo una laurea in Architettura conseguita al Politecnico di Milano, si diploma come attore alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano. Negli anni si perfeziona e lavora con Danio Manfredini, Marco Baliani, Giampiero Solari, Massimo Navone e Luca Ronconi. Con quest’ultimo cresce al Piccolo Teatro di Milano, interpretando ruoli di spicco nei suoi lavori. Antonio Tarantino scrive appositamente per lui il testo Gramsci a Turi, dove interpreta la parte del protagonista sotto la regia di Daniele Salvo. Lavora con registi di spicco della scena nazionale e internazionale: da Valerio Binasco a Carmelo Rifici, da Bruno Fornasari a Piotr Fomenko. Il pluripremiato regista catalano Alex Rìgola lo sceglie per il ruolo di Cassio nel riallestimento del celebre Giulio Cesare al fianco di Michele Riondino. Per il cinema lavora con Peter Greenaway. Con lo spettacolo sdisOrè di Giovanni Testori, regia di Gigi Dall’Aglio, ha vinto il  Premio Nazionale Franco Enriquez 2017.

 

The subject of this story is our Europe crossed by internal conflicts and riots, enraged by the crisis and poverty, shaken by terrorism and abandoned by politics, where it seems impossible to identify a guilty. Just a single feeling is among people: hate. Amplified by the web, Internet seems to have given birth to a new form of violence. A lonely employee decides to make the difference. He calls us to join his game. A radical review of the Heracleian Myth and his re-admission to Olympus – this is turned into a modern online challenge, such as the blue whale – Heracles completes his path to destroy the Misfit. Eight steps of a grotesque and violent social expiation, which it will culminate with an act which is as incredible as spectacular. After Medea Per Strada,  Eracle is the explosion of that “violence of the common man” that seems imminent on Europe. 

IL TEATRO DEI BORGIA. The company is managed by the art director Gianpiero Borgia and the actress Elena Cotugno (finalist of the Ubu 2017 under 35 prize). Teatro dei Borgia has staged scripts by artists of various nationalities, in particular David Greig, Tim Crouch, Matei Visniec, Fabrizio Sinisi, Anders Lustgarten, has produced shows in Italy and abroad and has participated in prestigious National and International festivals. The latest production of the Teatro dei Borgia: Medea per Strada by Elena Cotugno and Fabrizio Sinisi, conceived and directed by Gianpiero Borgia, with Elena Cotugno; Cabaret Sacco & Vanzetti, by Gianpiero Borgia written by Michele Santeramo with Valerio Tambone and Raffaele Braia. Cabaret D’Annunzio (co-production between Teatro dei Borgia and Italian Drama of the National Theater Ivan Zaijc di Fiume), written by Fabrizio Sinisi and directed by Gianpiero Borgia.

 FABRIZIO SINISI. Born in Puglia in 1987, he is a playwright, poet and translator. After graduating in Modern Literature at the University of Bari, he became a dramaturg of the Compagnia Lombardi Tiezzi, with whom he has made more than twenty prose and lyrical performances so far (among the latest Freud e l’interpretazione dei sogni). In 2012 he staged his drama in verses La grande passeggiata (Bari, Teatro Royal), directed by Federico Tiezzi and the performed by Sandro Lombardi: the script has been published by Rodolfo Di Giammarco and Rossella Porcheddu inside the volume New Writing Italia (Editoria & Spettacolo, Rome 2014) and he distinguished himself with the Italian Cultural Institute of New York as the winner of the Italian Playwrights Project. In 2015 his work Jekyll is among the finalists of the Riccione Tondelli Award and the Platea Prize. Since 2015 he has taught Dramaturgy at the Flannery O’Connor School of Writing in Milan. In 2016 he began a collaboration as a permanent playwright of the Teatro degli Incamminati in Milan and the Bresciano Theater Center. His scripts have been displayed in Croatia, France, Great Britain, Italy, Luxembourg, Romania, Switzerland and the United States                        

 GIANPIERO BORGIA. Director and actor – he got a special prize for the National Association of Theater Critics 2010 for Come spiegare la storia del comunismo ai malati di mente, by Matei Visniec and a nomination for the Total Theater Award, Edinburgh International Fringe Festival, 2007, for Escaping Hamlet, by Natalia Capra – He began his training with Giorgio Albertazzi and continued his studies as an actor at the Centro Sperimentale di Cinematografia and at the GITIS Master for Foreigners directed by Jurij Alschitz, as a director. The commitment to pedagogy and theatrical research has defined his entire path. He founded and directed ITACA – International Theater Academy of the Adriatic, the first and only training center accredited by the Puglia Region for professional training for performing arts. His numerous shows are produced and presented in festivals, theaters and universities in various European countries. He has premiered, after Carmelo Bene’s death, one of his writings, Ritratto di Signora del Cavalier Masoch per intercession della Beata Maria Goretti, produced by the Festival of Due Mondi of Spoleto. He brought on the Italian scene the first scripts by David Greig, Matei Visniec, Mircea Eliade, Anders Lustgarten. Recently he has been hosted as Artist in Residence in two prestigious European centers for performing arts and he cooperateswith them in research projects: Godsbanen Arhus Denmark – directed by Annika B. Lewis, Troubleyn Anversa Belgio – directed by Jan Fabre.

Event Detail

29 maggio 2018 19:00
29 maggio 2018 20:10