Lunedì 27 maggio, ore 22:00| Teatro Sybaris

 

TEATRO DALLARMADIO
Alfonsina Panciavuota (55’)  *La visione dello spettacolo è consigliata a un pubblico adulto

 

scritto e interpretato da Fabio Marceddu
ideazione scenica e regia Antonello Murgia
scene e costumi Paoletta Dessì
collaborazione drammaturgica Francesco Niccolini
aiuto regia Daniela Littarru
musiche originali composte da Antonello Murgia
fotografie di scena Francesca Mu e Davide Pioggia
produzione Teatro Dallarmadio per il progetto SEI In collaborazione con EXMA Exhibiting and Moving Arts

 

 

Siamo in una Sardegna del secondo dopoguerra, periodo in cui alla crisi legata alla caduta del regime si aggiunge la crisi del sistema. È in questo scenario che si sviluppa la tragedia personale di Alfonsina Panciavuota, classe 1932, l’ultima di nove figli, venduta a 10 anni come serva al padrone della miniera, Caterino Spinetti. Quattro lunghi anni di soprusi e abusi che segneranno indelebilmente il resto della sua vita. Alfonsina porta sulle spalle tutto il peso di una memoria proletaria offesa, riuscendo però a trovare la forza per opporsi e tentare di cambiare il proprio destino. Fabio Marceddu affronta la storia di una delle tante “pance vuote” di quegli anni, costruendo un personaggio capace di parlare direttamente alle coscienze di un pubblico che non ha più memoria di quando “i figli si vendevano come bestie” perché erano troppi, o di quando la terra e la casa erano gli unici beni capaci di dare dignità alle persone. Un feroce viaggio alla scoperta della parte in ombra della nostra società, raccontata tra bisbigli e sussurri. Alfonsina Panciavuota è un inno agli ultimi, un corale a voce sola, quello di una donna che è tutte le donne. Donne che nei secoli hanno sopportato e sopportano in silenzio la subalternità imposta della loro condizione femminile, lasciando andare – quasi rassegnate, come se fossero colpevoli – la propria libertà di scegliere.

 

TEATRO DALLARMADIO. Nasce nel 2004 dall’incontro artistico di Fabio Marceddu, Antonello Murgia, Paoletta Dessì e Raffaele Marceddu. La forza di questo sodalizio nasce dal dialogo poetico di mondi opposti, lontani, il cui obiettivo è la ricerca continua: l’eredità dei grandi maestri nell’anelito sensibile e permeabile alle nuove forme, dove la musica diventa forza trainante del gruppo. Il teatro dallarmadio è civile, sociale, si occupa di attualità in termini non cronachisti. La compagnia in questa ricerca irriverente del “diritto alla gioia”, e alla ricerca di alternative ai “vicoli ciechi” che si sommano al dolore e alla disperazione del mondo, con le proprie produzioni ha ricevuto diversi premi tra cui il Premio Scenario per Ustica Menzione Speciale a Rivelazioni (2007) e il Primio Premio al Festival Internazionale L’altro Teatro di Lugano con Bestie feroci (2007).

Event Detail

27 Maggio 2019 22:00
27 Maggio 2019 23:00