• Details
  • Gallery
  • More

FRANCO STONE

Home  /  Spettacoli  /  Current Page

SACCHI DI SABBIA - FRANCO STONE

01 GIUGNO – ore 20:30 | Teatro Vittoria
I SACCHI DI SABBIA/I GATTI MÈZZI/GUIDO BARTOLI / CON UN VIDEO CONTRIBUTO DI GIPI
FRANCO STONE – una storia vera (70’) – prima nazionale

con Francesco Bottai, Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Illiano, Tommaso Novi, Rosa Maria Rizzi, Giulia Solano
video fondali Guido Bartoli
costumi Guido Bartoli e Giulia Gallo
intervistatore Dario De Luca
una produzione Internet Festival/I Sacchi di Sabbia /  in co-produzione con Armunia
in collaborazione con la Fondazione Teatro di Pisa e con il sostegno della Regione Toscana

 

Mary e Percey Shelley frequentarono più volte Pisa nella prima metà dell’Ottocento. Il primo soggiorno documentato fu nel maggio del 1818. Mary a quel tempo aveva già elaborato il nucleo drammatico del Frankestein, la cui ideazione risale al maggio del 1816. Però a Pisa, già alla fine del Settecento, circolava la sinistra “leggenda” del dott. Franco Stone ( o Franco Pietra, come veniva comunemente chiamato), il misterioso scienziato, che pare si dedicasse all’applicazione del galvanismo sui cadaveri di esseri umani.
Una coincidenza o Mary Shelley conosceva già la storia di questo macabro personaggio? Questo è il presupposto di un racconto teatral-musicale, in bilico tra ricostruzione storica e fantasy-gotico, che I Sacchi di Sabbia hanno realizzato in aprile per la città di Pisa, avvalendosi del contributo di altri importanti artisti pisani (Gipi, Gatti Mézzi, Guido Bartoli, Marco Azzurrini). Da quell’evento nasce questo nuovo spettacolo, che conserva le caratteristiche del musical, ma che si arricchisce della presenza di un ospite: un attore-intervistatore che animerà la narrazione, conducendo un’ “intervista impossibile” ai personaggi della Storia.

 

I SACCHI DI SABBIA nascono a Pisa nel 1995 e nel panorama della scena teatrale italiana si distinguono per la capacità di far incontrare tradizione popolare e ricerca culturale spingendosi di volta in volta nell’esplorazione creativa di terreni diversi, dalla letteratura al cinema (Sandokan o la fine dell’Avventura e Tràgos), dal fumetto all’opera (ESSEDICE e Don Giovanni di Mozart). Hanno ricevuto un Premio Ubu Speciale nel 2008, il Premio Nazionale della Critica nel 2011 e il Premio Lo Straniero nel 2016.