INSIGHT LUCREZIA | CARLO BRUNI

Teatro | Musica

Ore 18:00 | Teatro Vittoria

CARLO BRUNI

INSIGHT LUCREZIA (60’)

da una scrittura originale di Antonella Cilento

regia Carlo Bruni

con Nunzia Antonino (Lucrezia), Carlotta Pistillo (servetta)

viola da gamba e canto Luciana Elizando  

violino Giovanni Rota

liuto/tiorba Pino Petrella

viola da gamba, direzione musicale Gioacchino De Padova  

composizioni originali e live electronics Gianvincenzo Cresta
assistente alla regia Antonella Ruggiero

spazio scenico Bruno Soriato

costumi Luigi Spezzacatene

amministrazione Beppe Strafella

assistenza tecnica Angelo Piccinni

musiche Diego Ortiz: Passamezzo Antico; Juan del Encina: Mas Vale Trocar; Antoin de Busnois: Fortuna Desperata; Anonimo: Si la noche haze escura; Anonimo: Con que la Lavaré; Andrea Falconieri: Suave Melodia e sua Corrente.

musiche elettroniche Gianvincenzo Cresta

lavoro realizzato con la collaborazione di Cantieri Teatrali KOREJA, KUZIBA, L’AMOROSO, sistemaGaribaldi progetto teatrale di rete, Circolo dei lettori/Presidio del libro di Bisceglie

produzione Linea d’Onda, Orfeo Futuro

 

La scena fantasmatica evoca la festa di nozze di Lucrezia Borgia con Alfonso D’Este a Ferrara. La preparazione, il rituale, i rapporti con gli invitati favoriscono una ricognizione della sua vita. L’ambiente è caratterizzato dalla presenza di un trono che suggerisce anche la funzione di confessionale, ma davanti una ribalta evoca evidentemente il Teatro, con orchestra di musici annessa per completare la rappresentazione del già avvenuto. La musica non “accompagna”, interagisce e talvolta interferisce: si manifesta nella presenza in “buca” dei musici, eppure anch’essa abita Lucrezia, le sta dentro. Lucrezia, condannata a recitare una parte, è pegno di guerra ma anche inarrestabile soldato in politica: tutta la sua vita di donna, di figlia, moglie, amante e madre “fattrice”, la schiaccia in un destino femminile che le sta stretto ma cui non può sfuggire. Ricordi e relazioni scorrono nel suo discorrere con i fantasmi della serata. Dentro Lucrezia si agitano voci, presagi, immagini di eventi futuri: l’incontro con la competitiva cognata Isabella, marchesa di Mantova, i precedenti mariti: Giovanni da Pesaro e Alonso di Bisceglie, la presenza ingombrante del padre, papa Alessandro VI, e del Valentino, suo fratello Cesare Borgia. La festa si svolge fra infinite portate e rappresentazioni teatrali.  Dall’infanzia alla maturità, scorrono le ossessioni di Lucrezia: l’uccisione del fratello Juan, le relazioni forzate e quelle amate, i figli, perduti e avuti. “Gravidanze” destinate al fallimento. L’abito indossato per affrontarla fa presto sentire il suo peso: quell’insopportabile peso del potere che subisce ed esercita nel tentativo disperato di scrollarsi di dosso il pregiudizio o semplicemente la colpa d’essere sé stessa.

 

Carlo Bruni (classe 1959), ha iniziato nel ’79 come attore (Teatro Studio 3, Magopovero, Valdoca). Dal ’90 è soprattutto autore, regista e direttore artistico. Premio Scenario e Stregatto, ha diretto tra gli altri il Teatro del Mercato di Perugia, il Kismet e il Piccinni di Bari, il Rossini di Gioia del Colle, il Carnevale di Putignano. Consulente per la cultura e la comunicazione della Città di Bari, ha ideato format teatrali come Maggio all’Infanzia, Maestri e Margherite, il festival di danza Prospettiva Newsky, Il tempo dei Piccoli, 42 gradi. Ha collaborato come formatore con le Università di Perugia, Bologna, Bari e lavorato per il cinema e la televisione. Tra i suoi spettacoli più recenti: Lezioni di Piano, I Reduci, Lenòr, Schiaparelli life. Dirige dal 2013 sistema Garibaldi, dal 2019 il festival circense Trani sul filo, dal 2020, con Mario Tozzi, 42gradi: un appuntamento dedicato alla sostenibilità ambientale.

 

Foto in copertina di Eduardo De Mattei

 

 

 

TEATHRE / MUSIC

Time 6pm / Teatro Vittoria

CARLO BRUNI

INSIGHT LUCREZIA (60’)

from an original writing by Antonella Cilento

directed by Carlo Bruni

with Nunzia Antonino (Lucrezia), Carlotta Pistillo (maid)

viola da gamba and singing Luciana Elizando

violin Giovanni Rota

lute / theorbo Pino Petrella

viola da gamba, musical direction Gioacchino De Padova

original compositions and live electronics Gianvincenzo Cresta

assistant director Antonella Ruggiero

stage space Bruno Soriato

costumes Luigi Spezzacatene

administration Beppe Strafella

technical assistance Angelo Piccinni

music Diego Ortiz: Passamezzo Antico; Juan del Encina: Mas Vale Trocar; Antoin de Busnois: Desperate Fortune; Anonymous: Si la noche haze escura; Anonymous: Con que la Lavaré; Andrea Falconieri: Suave Melodia and his Corrente.

electronic music Gianvincenzo Cresta

work carried out with the collaboration of Cantieri Teatrali KOREJA, KUZIBA, L’AMOROSO, sistemaGaribaldi network theatrical project, Circle of readers / Presidium of the book of Bisceglie

 

The ghostly scene evokes Lucrezia Borgia’s wedding party with Alfonso D’Este in Ferrara. The preparation, the ritual, the relationships with the guests favour a recognition of her life. The environment is characterized by the presence of a throne that also suggests the function of a confessional, but in front of a limelight it evidently evokes the theatre, with an attached orchestra of musicians to complete the representation of what has already happened. Music does not “accompany”, it interacts and sometimes interferes it manifests itself in the presence in the “pit” of the musicians, yet it too lives in Lucrezia, it is inside her. Lucrezia, condemned to play a part, is a war pledge but also an unstoppable soldier in politics: her whole life as a woman, daughter, wife, lover and mother “mare”, crushes her into a female destiny that is close to her, but which cannot escape. Memories and relationships flow as we talk about her with the ghosts of the evening. Inside Lucrezia there are rumours, omens, images of future events: the meeting with the competitive sister-in-law Isabella, Marquise of Mantua, the previous husbands: Giovanni da Pesaro and Alonso di Bisceglie, the bulky presence of her father, Pope Alexander VI, and of the Valentino, his brother Cesare Borgia. The party takes place between infinite courses and theatrical performances. From childhood to maturity, Lucrezia’s obsessions flow: the killing of her brother Juan, her forced relationships and those of her loved by her, her children, lost and had. “Pregnancies” doomed to failure. Her dress worn to face her soon makes her feel the weight: that unbearable weight of the power she undergoes and exercises in a desperate attempt to shake off the prejudice or simply the guilt of being herself.

 

Carlo Bruni (born in 1959) began his career as an actor in 1979 (Teatro Studio 3, Magopovero, Valdoca). Since 1990 he has been above all an author, director and artistic director. Scenario and Stregatto Award, he has directed, among others, the Teatro del Mercato in Perugia, the Kismet and Piccinni in Bari, the Rossini in Gioia del Colle, the Carnival in Putignano. Consultant for culture and communication of the City of Bari, he has created theatrical formats such as “Maggio all’Infanzia”, “Maestri e Margherite”, the “Prospettivo Newsky” dance festival, “Il tempo dei Piccoli”, “42 gradi”. He has collaborated as a trainer with the Universities of Perugia, Bologna, Bari and worked for cinema and television. Among his most recent shows: “Lezioni di Piano” “I Reduci”, “Lenòr”, “Schiaparelli life”. He has directed the Garibaldi system since 2013, and the Trani circus festival on the wire since 2019; in addition, he also directed, since 2020, together with Mario Tozzi, “42gradi”: an event dedicated to environmental sustainability.

 

Cover photo by Eduardo De Mattei

Leave a reply

Event Detail

6 Ottobre 2022 18:00
6 Ottobre 2022 19:00
Teatro Vittoria, Castrovillari

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.