SCENA VERTICALE

The event is expried

Martedì 13 ottobre, ore 21:30 | Castello Aragonese

 

SCENA VERTICALE

MARIO E SALEH (75’)


scritto e diretto da Saverio La Ruina

con Saverio La Ruina e Chadli Aloui

collaborazione alla regia Cecilia Foti

produzione Scena Verticale

con il sostegno di MIBACT, Regione Calabria

in collaborazione con TMO – Teatro Mediterraneo Occupato di Palermo

 

All’indomani di un terremoto, in una delle tende allestite nei luoghi del sisma, si ritrovano Mario, un occidentale cristiano, e Saleh, un musulmano. La relazione ravvicinata tra i due si evolve tra differenze e agnizioni. Eventi esterni e fatti concreti ribaltano le percezioni che hanno l’uno dell’altro. Le certezze che sembrano farsi strada si ridefiniscono continuamente alla luce di quanto accade tra di loro, sorprendendo loro per primi.

Più che addentrarmi in dispute religiose, mi sono concentrato su fatti del quotidiano attraverso i quali misurare possibili conciliazioni e opposizioni. Oltre alle inevitabili differenze, irrompono avvenimenti dall’esterno che vanno a spezzare gli equilibri tra i due, ridefinendo via via le loro acquisizioni.

Ho incontrato musulmani, migranti e non, e ognuno di questi è un mondo dentro un mondo più grande, dove tanti islam si inseguono, si differenziano e anche si oppongono fra di loro. Un argomento che richiede un approccio delicato per quanto scalda gli animi con una virulenza che lascia interdetti e a volte impotenti.

 

SAVERIO LA RUINA si forma come attore alla Scuola di Teatro di Bologna e lavora, tra gli altri, con Leo De Berardinis e Remondi & Caporossi. Laureato presso il DAMS di Bologna, continua la sua formazione con Jerzy Sthur, Ludvik Flaszen e Eimuntas Nekrosius. Vince due Premi Ubu con Dissonorata (miglior attore e migliore testo italiano), un Premio Ubu con La Borto (migliore testo italiano), il Premio Hystrio alla Drammaturgia 2010, un Premio UBU con Italianesi (migliore attore), il cui testo giunge nella cinquina dei finalisti al Premio Riccione 2011. Nel 2015 debutta con Polvere per il quale riceve due Premi Enriquez (miglior attore e migliore drammaturgia). Sempre nel 2015 riceve il Premio Lo Straniero e il Premio Ruccello. Con Masculu e fiàmmina debutta al Piccolo Teatro di Milano e ottiene una nomination al Premio Le Maschere del Teatro Italiano 2017 come “migliore interprete di monologo”. Il suo ultimo lavoro, Mario e Saleh, debutta nel 2019 a Romaeuropa Festival. Tradotto in inglese, suoi estratti vengono presentati su Zoom in un Play Slam americano sulla drammaturgia contemporanea. I suoi testi sono stati messi in scena in Francia, USA, Lussemburgo, Messico e Venezuela.

 

 

The day after an earthquake, in one of the tents set up in the affected area, Mario and Saleh, a Western Christian and a Muslim, meet. The close relationship between the two evolves through distance and acknowledgement. Facts and outside events overturn the ideas that each has of the other. To their mutual surprise, the certainties that each of them have are continuously redefined in light of the events that take place between them.

Rather than getting into religious questions, I have focused on every-day facts against which to measure possible points of conciliation and opposition. Beyond the inevitable differences, external events come into play, which upset the balance between the two, in a continuous overturning of their convictions. I have met with Muslims, both migrants and non-migrants, and each one of them is a world within a larger world, where many Islams chase after, differentiate and even oppose each other. It is a matter that requires a delicate approach, one that stirs up such virulence that it leaves one feeling shocked and at times powerless.

 

 

Saverio La Ruina studied acting at the Theatre School of Bologna and worked with Leo De Berardinis and Remondi & Caporossi. After graduating from DAMS in Bologna, he continued studying with Jerzy Sthur, Ludvik Flaszen and Eimuntas Nekrošius. He has won two Ubu Awards for Dissonorata (Best Actor and Best Italian Text), the Ubu Award for La Borto (Best Italian Text), the 2010 Hystrio Award for Playwriting, the Ubu Award for Italianesi (Best Actor), whose text was one of the five finalists at the 2011 Riccione Award. In 2015 he debuted with Polvere, winner of two Enriquez Awards (Best Actor and Best Playwriting), and he was awarded with Lo Straniero Award and the Ruccello Award. His Masculu e fiàmmina premiered at the Piccolo Teatro in Milan and was nominated at the 2017 “Le Maschere del Teatro Italiano” Award for Best Monologue Actor. His last work, Mario e Saleh, has premiered in 2019 at the Rome Europe Festival. The text has been translated into English and some excerpts are presented in an American Play Slam on contemporary playwriting on Zoom. His texts have been staged in France, USA, Luxembourg, Mexico and Venezuela.

Event Detail

13 Ottobre 2020 21:30
13 Ottobre 2020 22:40

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.